• rendicontazione: partire dalla raccolta e analisi dei dati quantitativi relativi ai risultati finali degli studenti
  • serie storica con promozioni, bocciature, ripetenze, ritardi per classi di età
  • in particolare denotano lo "stile" ed il modo di valutare dei CdC in relazione ai criteri del CdD
  • criticità per recupero e sostegno ed eccellenze
  • dirigente ha indicazioni su tenuta della collegialità e relazione tra OO.CC. per regole di comportamento condivise
  • valutazione serve anche per la certificazione del progresso degli studi
  • impulso innovativo del dirigente nel confronto degli OO.CC.e docenti
  • il sistema valutava soprattutto le conoscenze, oggi non più
  • dare spunti di riflessione su nuove modalità valutative (valutazione per competenze)
  • prove INVALSI e OCSE PISA riferimenti per impostare sistemi valutativi coerenti con disposizioni comunitarie
  • riferirsi ai verbali anno precedente per criteri per il nuovo a.s. partendo dal CdD e poi nei dipartimenti
  • curare stesura verbali che devono riportare delibere e non descrizioni e far circolare prima delle decisioni la documentazione relativa alle decisioni da prendere
  • guardare i dati senza preconcetti e usarli come spunto per dialogo
  • valutazione del personale: non normato, solo per comitato valutazione servizio art.11 DLgs 297/94 solo su richiesta dell'interessato o anno straordinariato
  • nostro sistema si appella solo alle competenze del DS su controllo di gestione e applicazione norme disciplinari
  • non tutto è misurabile ma tutto è verificabile ed è competenza del DS
  • L.15/2009 prevede valutazioni anche per i docenti
  • DS può osservare comportamenti: puntualità, assiduità, partecipazione vita della scuola, incarichi e collaborazioni, qualità delle relazioni con studenti, colleghi famiglie, elementi innovativi didattica e valutazione
  • DS può utilizzare i dati per motivare, apprezzare e suggerire eventualmente incentivare, gratificare, ringraziare
  • richiedere coerenza tra decisioni del CdD e lavoro individuale in quanto presente nella carta dei servizi, in caso contrario si può ricorrere allo strumento disciplinare D.Lgs 297/94
  • valutazione ATA: incluso nel CCNL e prossimamente sempre con L.15/2009