1- Utilizzare un approccio comparativo
  • ricerca su diseguaglianze sociali ed economiche dipendenti da disuguaglianze nella formazione degli individui
  • misurate con indicatori di scolarità formale e compararle tra diversi paesi
  • Gorard dice che è difficile comparare per forti diversità ma comunque utile per scelte politiche scolastiche future
  • positiva per questo partecipazione di IT a raccolta indicatori internazionali.
  • Luhmannn e Schoor pedagogia si sforza di raggiungere uguaglianza e qualità. Sono irraggiungibili perché hanno andamento inverso: sale una cala l'altra
  • Indicatori: riduzione complessità e riduzione soggettività. Senza escludere elementi fondamentali ma non quantificabili
  • fini del sistema educativo sono: singoli (studenti), sociali, fini diretti a d evitare esiti negativi
  • sistema educativo equo ed efficace es Gintis dice che nei paesi in via di sviluppo è importante istruzione di base perché quella superiore non crea lavoro qualificato.
  • Sociologi dicono che in occidente i sistemi formativi siano stratificati per ceto sociale, razza e quindi meno equi
  • equità = far diminuire scarto tra studenti + deboli e più forti
  • dalla standardizzazione alla personalizzazione = ottenere il massimo secondo le aspirazioni e capacità.
  • valorizzazione delle differenze perché non raggiungibile l'equità in termini di uguaglianza. Rischio: relativismo, incapacità di misurare. disuguaglianze conseguenze su ricompense e privilegi sociali
  • oggi valorizzazione qualità della vita e relazionali vs materiali. Sistema ed. giusto rende più giusta la società, anche se non sempre vero
  • In società stratificata le élite tendono a mantenere il controllo sul sistema formativo (approccio indifferenziato - Bernstein)
  • adolescenti realisti ed idealisti: peso al merito ma chiedono uguaglianza e sostegno per + deboli
  • in IT equità non costituisca priorità politica ma più qualità, integrazione stranieri, efficienza
  • percezione dell'ingiustizia: scuola + accogliente della società
  • scuole cvapaci di ridurre svantaggi iniziali ci sono. Spesso efficacia ed equità vanno insieme. politica equa sempre efficace, non efficacia sempre equa
  • modelli in crisi: paternalistico, assicurativo, interventista
  • equità dell'istruzione: 29 indicatori come costrutto teorico (sono dati per la valutazione)
  • indicatori di efficienza (input/output)
  • indicatori di efficacia
  • indicatori di economicità
  • scuola processo di trasformazione degli input in output
  • formazione equa sempre efficace ma può non essere efficiente
  • equità collegata a desiderio di qualcosa e possibilità di ottenerlo
  • famiglie e scelta della scuola = diritto di cittadinanza Problema scelta scuola pubblica: statale o paritaria con relativi finanziamenti
  • seguono statistiche IT molto particolareggiate