Dal testo del Bertagna "Dirigenti per le scuole":
Primo saggio, Dal direttore/preside al dirigente
Dopo un excursus non troppo lungo e leggero sulle figure del Direttore didattico e del Preside, sulla crisi del sistema scolastico centralistico a partire dalla stagione degli organi collegiali degli anni '70, passando per una veloce disamine dei concetti di efficacia-efficienza e di autonomia, prima funzionale, poi in senso pieno in seno al concetto di sussidiarietà entrato nella costituzione italiana con la riforma del titolo V, senza mancare di tracciare la mutazione genetica intervenuta nella figura dirigenziale con il contratto del 1995 prima, del 2001 poi, e con la riforma dell'art. 118 della costituzione, viene posta in conclusione una domanda:
«Qual è il sistema educativo con i vincoli migliori, meglio compatibili con la piena educazione e che il dirigente dovrebbe promuovere? Semplice, quello che amplia il più possibile, ad ogni livello, gli spazi per l'elezione e la responsabilizzazione per tutti, ed ha, al contempo, l'autorità di non far evadere nessuno dagli impegni e dalle promesse assunti».
Che ne pensate?

Presuppone una leadership partecipata da parte del dirigente aggiungerei.



L.165/2001 art 25, comma 2:
Il dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell'istituzione, ne ha la legale rappresentanza, e' responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati deI servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane. In particolare, il dirigente scolastico organizza l'attivita' scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia formative

Io penso che uno dei nodi cruciali della figura del dirigente scolastico sia proprio la sua doppia anima di dirigente-gestore del servizio e di leader educativo, capace di coinvolgere e indirizzare le rappresentanze collegiali.
Guardando da vicino il delicato equilibrio tra funzione di gestione e funzione di indirizzo, tra autonomi poteri di gestione e facilitazione di processi unitari e partecipati, ci si rende conto della complessità del profilo professionale del dirigente.
Per incidere sui processi reali il dirigente deve infatti esprimere una capacità di rappresentanza della volontà generale, che a sua volta necessita di essere condotta a un punto unificante.
Se il dirigente ha autonomi poteri di direzione nel rispetto dei poteri altrui, è necessario che riesca a costruire consenso e partecipazione, senza rinunciare al proprio potere di guida. Indirizzare, guidare, far emergere la partecipazione, coinvolgere e nello stesso tempo gestire ciò di cui si hanno autonomi poteri di direzione.
Credo che nessuna norma sia in grado di dirimere questa complessità e che il ruolo del dirigente di esprima proprio nella capacità di attivare, facilitare processi autentici, conducendoli a espressioni decisionali unitarie.
Solo in questo modo il dirigente può condurre l'istituto a individuare la propria identità e a dispiegarla e rinnovarla negli anni, coniugando stabilità e rinnovamento.
Come e attraverso quali capacità e strumenti?
Lo saprete nella prossima puntata, ora vado a letto!

Teresa